Storytelling: Verità o Illusione ?

Rimango sempre stupito nel leggere articoli su quotidiani nazionali importanti che individuano tendenze e comportamenti delle aziende soprattutto high-tech, per cercare di trovare nuovi modi di farsi conoscere e farsi guardare con occhi diversi. Un’ articolo di questi giorni sul Sole 24 ore, evidenzia come la Microsoft, attraverso il responsabile della comunicazione, ritenga importante per valorizzarsi, raccontare se stessa in modo diverso da come la stampa specializzata la racconta, cercando di andare a trovare le storie del vissuto quotidiano dei dipendenti, aprendo i laboratori ai visitatori parlando delle storie personali dei ricercatori che non hanno un impatto sulla capacità tecnica dell’azienda ma mostrano il suo patrimonio umano e suscitano una partecipazione emotiva del cliente che sentirà l’azienda più amichevole e soprattutto vera.

Questa dinamica del racconto è importante per una azienda tecnologica perché nel nostro immaginario la percepiamo come asettica fredda e distaccata e tutte le modalità che fanno capire al consumatore che dietro ad una azienda ci sono persone vere con le loro storie, pregi e difetti, ritengo sia meritevole di attenzione.

Ho fatto questa introduzione per cercare di evidenziare come il racconto di qualsiasi azienda che vuole farsi conoscere deve avere con sé la componente più difficile da dire; la verità e la semplicità. Nel settore del vino assistiamo alla ricerca di raccontare le tradizioni della propria cantina in modo distorto, le storie familiari con interviste ai proprietari che illustrano le qualità della propria azienda con un linguaggio non consono alla persona, tralasciando aspetti fondamentali del racconto delle cantine come il territorio, la vigna, il vino e soprattutto le persone che quelle aziende le fanno come i cantinieri, gli enologi, i contadini che ci lavorano, le persone che fanno accoglienza o il commerciale, i proprietari. Molte aziende piccole e medio piccole cercano quasi sempre di scimmiottare quelle più grandi, andando a copiare modi di fare e dire che mal si conciliano con la propria storia e la propria azienda.

In un mondo sempre più indifferenziato bisogna saper raccontare la specificità che sicuramente ci rende riconoscibili e unici agli occhi del consumatore: capisco le difficoltà che ogni viticoltore ha trovandosi di fronte compratori nazionali e stranieri che vogliono omologare quello che comprano alle mode del mercato perché è più facile da vendere (bello un articolo di Wine meridian del 29/04/2016). E’ doveroso porre attenzione ai mutamenti del mercato, ai gusti dei clienti e dei nuovi consumatori, ma dobbiamo farlo con modalità di racconto nuove, vere, semplici che fanno vedere la specificità di risposta di ogni singola azienda alle nuove tendenze di mercato attraverso eventi, degustazioni, percorsi, che spiegano la storia dell’azienda e delle persone che quella azienda la fanno; siti web che esaltano le peculiarità delle cantine per quello che sono veramente; etichette delle proprie bottiglie e packaging in generale che trasmettono pochi messaggi, chiari e riconoscibili, senza percorrere la strada più facile di copiare le grandi aziende.

Sono semplici riflessioni sul modo di intendere la comunicazione, ma sono fondamentali per far capire che tra l’effimero dell’illusione e la semplicità della verità, quest’ultima deve essere posta al centro della narrazione di qualsiasi cantina che voglia valorizzare appieno il proprio prodotto.

Bruni Bruno per Irtemwine

Annunci
Questa voce è stata pubblicata il 2 maggio 2016 alle 16:37 ed è archiviata in generale, marketing. Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: